Laboratorio di Analisi ELKALAB

News

05-09-2016

Regole per evitare disturbi post vacanza

Che le ferie siano state rilassanti e rigeneranti o meno, il ritorno alla normalità è traumatico per molti: secondo alcune stime fino a una persona su due soffre della cosiddetta «sindrome da rientro» e appena torna in ufficio comincia ad accusare sintomi come difficoltà di concentrazione, mal di testa, stanchezza, sensazione di confusione, perdita di entusiasmo e irritabilità, ma anche dolori muscolari, eccesso di sudorazione, tachicardia. Tutto il corpo insomma dice «no» al ritorno alla routine, ma un «atterraggio morbido» è possibile, con qualche piccolo accorgimento. Lasciarsi uno o due giorni di ferie da trascorrere in città, per tornare alla routine senza dover andare subito al lavoro, aiuta a riprendersi spazi e tempi senza le urgenze da ufficio, per un rientro “morbido”. Anche una volta tornati alla scrivania, è bene cercare di non farsi sopraffare dagli impegni ma stilare una lista di urgenze da sbrigare prima di tutto il resto e affrontare gli impegni pian piano, senza buttarsi a capofitto nel lavoro. La gradualità aiuta a superare le angosce da rientro che non sono affatto secondarie, come dimostra un sondaggio condotto sul web dal portale www.inabottle.it: uno su quattro è preoccupato all'idea di doversi chiudere in ufficio, affrontare le incomprensioni con i colleghi e l'insoddisfazione per il proprio impiego, uno su cinque si innervosisce pensando che avrà meno tempo per i propri cari e che dovrà riorganizzarsi la giornata. Stando ai consigli di Assolatte per combattere la sindrome da rientro è bene non “dimenticare” subito le ferie archiviando i ricordi ma recuperarli e assaporarli: dalle foto e i video da rivedere e condividere alle ricette scoperte in viaggio, da preparare per mantenere vive le sensazioni piacevoli della vacanza e sentirsi ancora un po' lontani dalla solita quotidianità. Inutile voler fare tutto subito al lavoro o pensare di perdere in una settimana i chili accumulati in giorni e giorni di minor attenzione alle regole della sana alimentazione: bisogna procedere passo per passo, dandosi mete ragionevoli sia in ufficio che nella ripresa della forma fisica. Vietato strafare, insomma, perché ogni attività in questo momento richiede un surplus di fatica.Inutile voler fare tutto subito al lavoro o pensare di perdere in una settimana i chili accumulati in giorni e giorni di minor attenzione alle regole della sana alimentazione: bisogna procedere passo per passo, dandosi mete ragionevoli sia in ufficio che nella ripresa della forma fisica. Vietato strafare, insomma, perché ogni attività in questo momento richiede un surplus di fatica.

Elkalab

Laboratorio di Analisi Elkalab
Via delle Regioni, 20
Aprilia (04011) LT
Tel. 06.9271749
info@elkalab.com